BENVENUTI SU ABOUTCAMP NEWS - UNA FINESTRA SUL MONDO DEL TURISMO ALL’ARIA APERTA

UN PORTALE DEDICATO A GIORNALISTI E OPERATORI DELLA COMUNICAZIONE

UNA RASSEGNA DI COMUNICATI STAMPA E UN ARCHIVIO DI FOTOGRAFIE IN ALTA RISOLUZIONE

DEDICATO A CAMPER, CARAVAN, TENDE, AL CAMPEGGIO E ALLE ATTREZZATURE PER L’OUTDOOR

(IT) CBE è partner di TDL

vanotecnico_2
Cbe ha partecipato alla progettazione e realizzazione degli impianti elettrici di TDL – Tecnoform Design Lab. Una sfida che l’azienda di Trento ha raccolto con entusiasmo e che ha permesso al progetto italiano di proporre soluzioni all’avanguardia nel settore delle caravan.

 

TDL, acronimo di Tecnoform Design Lab, è una caravan americana Airstream i cui interni sono stati progettati e realizzati interamente dall’italiana Tecnoform. Il progetto TDL, presentato all’ultima edizione del Caravan Salon di Düsseldorf, ha vinto i premi “Best Interior Design” e “Best Practice” del prestigioso concorso “Caravaning Design Award: Innovations for New Mobility 2012/2013”. Il layout interno propone una dinette posteriore a U e una camera da letto anteriore con matrimoniale centrale nautico. Al centro un funzionale e ampio blocco cucina a sviluppo lineare e, contrapposto, un grande bagno dotato di box doccia dalle dimensioni casalinghe. Gli arredi presentano soluzioni di derivazione nautica, dove il mobilio dalle eleganti tonalità del rovere si coniuga armonicamente con gli inserti in pelle, mentre gli elementi cromati e le finiture con cuciture a contrasto esaltano la raffinatezza di un ambiente che ben rappresenta l’eccellenza dello stile italiano. A sorprendere, non è però solo l’estetica, ma sono anche i contenuti tecnici e innovativi di TDL. I pensili, per esempio, hanno forme tridimensionali e sono stati realizzati con un sistema produttivo all’avanguardia che permette l’impiego di materiali leggeri. Tra le altre soluzioni originali, spiccano l’illuminatore centrale ultrapiatto ad alta efficienza con effetto antiabbagliamento, il letto posteriore con un meccanismo di apertura radiocomandato che permette un comodo accesso al grande spazio di stivaggio sottostante e l’inedito pannello di comando che introduce, per la prima volta su una caravan, il concetto di domotica. Il pannello di comando, nonché il cablaggio e l’intero impianto elettrico sono stati progettati e realizzati da Cbe. «Abbiamo contribuito alla creazione di una caravan che, per dotazioni e impiantistica, è al pari di un motorhome di fascia premium – racconta Dorian Sosi, sales manager per il mercato italiano di Cbe – È stato un esercizio molto stimolante poiché Tecnoform ci ha dato carta bianca. Così abbiamo potuto realizzare un impianto esattamente come lo avevamo pensato, raccogliendo tutte le apparecchiature in un unico vano tecnico e costruendo liberamente i percorsi dei cablaggi secondo gli schemi più efficienti. Questa libertà, normalmente, ci è preclusa dai costruttori di autocaravan che hanno dei vincoli imposti dall’allestimento». La caravan Airstream è giunta in Italia con un cablaggio base a 230 Volt. Cbe ha progettato e realizzato tutto il cablaggio a 12 Volt e implementato quello a 230 Volt. La gestione di tutta la parte elettrica ed elettronica è demandata ad apparecchiature al top della tecnologia disponibile in CBE. L’impianto, infatti, è realizzato con un sistema BUS, mentre il pannello di comando è il nuovissimo PC 770 ST. Quest’ultimo è un pannello inedito con un design caratterizzato da una moderna cornice nera con profilo in alluminio e dotato di un software di ultima generazione completo di tutte le funzioni. Per quanto riguarda la parte a 230 Volt, Cbe ha creato cinque canali separati che alimentano il condizionatore, l’inverter, i due televisori e le prese. In questo modo tutte le utenze sono dotate di protezione termica e magnetica. Un inverter da 1500 Watt a onda sinusoidale pura, il massimo a livello tecnologico disponibile sul mercato, fornisce tensione a 220 Volt, quando la caravan è staccata dalla rete. L’inverter si inserisce in modo del tutto automatico senza necessità di interventi da parte dell’utente. Il sistema è, naturalmente, alimentato da una serie di batterie di servizio che offrono una grande capacità complessiva e che possono essere ricaricate in diversi modi. Naturalmente attraverso il caricabatterie Cbe da 22 Ampere, quando la caravan è connessa alla rete, ma anche mediante l’alternatore dell’auto, quando si è in marcia, grazie a un nodo BUS che gestisce in modo intelligente la ricarica scegliendo tra batteria motore e batterie di servizio. Il nodo permette anche di ricaricare la batteria dell’auto quando si è commessi alla rete a 220 Volt. L’impianto è predisposto per l’installazione dei pannelli solari ed è già presente il regolatore di carica. Le luci dispongono di variatori di intensità luminosa gestiti dal nodo dimmer che opera su ben 8 canali diversi. Infine il quadro distribuzione 12 Volt dispone di abbondanti linee e fusibili così da offrire una protezione adeguata a ogni utenza installata. «Siamo orgogliosi di aver partecipato a questo importante progetto – aggiunge Dorian Sosi – che mette in luce non solo le qualità del made in Italy in tema di design e architettura d’interni, ma anche le eccellenze che molte aziende italiane rappresentano nei settori della tecnologia e dell’elettronica. Cbe è una realtà di primo piano a livello internazionale nel settore dell’impiantistica elettrica ed elettronica applicata al caravanning e al boating. Questa collaborazione ci ha dato l’opportunità di applicare soluzioni inedite nel settore della caravan e di ribadire, anche oltreoceano, il nostro ruolo primario come partner progettuale serio e qualificato per i costruttori di veicoli ricreazionali di tutto il mondo».

 

 

02word

01pdf

tdl_cbe

vanotecnico_2

 

© Aboutcamp News - P.I. IT06702290963 - privacy & cookies