BENVENUTI SU ABOUTCAMP NEWS - UNA FINESTRA SUL MONDO DEL TURISMO ALL’ARIA APERTA

UN PORTALE DEDICATO A GIORNALISTI E OPERATORI DELLA COMUNICAZIONE

UNA RASSEGNA DI COMUNICATI STAMPA E UN ARCHIVIO DI FOTOGRAFIE IN ALTA RISOLUZIONE

DEDICATO A CAMPER, CARAVAN, TENDE, AL CAMPEGGIO E ALLE ATTREZZATURE PER L’OUTDOOR

(IT) Viesa Holiday: Test on the road

it1

it1 COMUNICATO STAMPA

Vigia Viesa

Holiday

Test on the road

Tre grandi viaggiatori e camperisti dei nostri tempi hanno testato i condizionatori evaporativi Viesa Holiday II nelle condizioni più difficili. Ecco direttamente dalla loro esperienza i risultati di questa prova on the road.

 

Piero Ciacchella “Zio Ciak”

ZioCiack«Diversi anni fa, conobbi la tecnologia evaporativa in un campeggio della Anatolia orientale, chiaccherando con una coppia di giramondo tedeschi che ne avevano montato uno sulla roulotte. Quando, molto tempo dopo, scoprii il Viesa, fui subito incuriosito e decisi di adottarlo. Oggi giro il mondo e certe zone mi sono accessibili solo grazie a Viesa Holiday.
Da anni trascorro più mesi all’anno nei deserti africani, anche in piena estate e ho trovato in questo climatizzatore evaporativo la soluzione per condizioni climatiche diversamente proibitive. Personalmente, per sfruttare appieno tutti i vantaggi e rendermi completamente  autonomo, ho previsto l’abbinamento con dei pannelli solari. In questo modo ho dimenticato l’esistenza delle colonnine d’energia elettrica…

Recentemente ho soggiornato a lungo a sud di Tozeur, nella Tunisia meridionale proprio ove iniziano le dune del deserto Sahariano a +45°C a mezzogiorno, vivendo in condizioni di massimo confort all’interno del mio autocaravan. Di notte, alla velocità minima Viesa era così silenzioso che tavolta non capivo se fosse acceso o spento (provare per credere….). In tanti anni di utilizzazione del Viesa Holiday non ricordo di aver avuto mai alcun problema (basta rispettare le raccomandazioni della Casa sulla pulizia e la sostituzione dei filtri). In climi umidi poi, il Viesa svolge un’efficace azione di deumidificatore creando, in appena qualche minuto, un ambiente estremamente confortevole. Col Viesa su tetto ho percorso più piste e sterrati che la “Parigi Dakar”  eppure ha sempre continuato a fornirmi il fresco desiderato senza alcun problema meccanico, infiltrazioni di polvere o, in Europa, infiltrazioni d’acqua durante i grandi acquazzoni. Ritengo assolutamente positiva la sua efficacia in alternativa al condizionatore tradizionale purchè ci si renda conto che non si può pretendere di entrare in un mezzo che è stato 8 ore sotto il solleone, accendere il Viesa e avere 18°C  entro cinque minuti! L’ideale, grazie anche ai pannelli solari, è quello di lasciare il Viesa sempre in funzione, magari  a metà potenza oppure utilizzando il temporizzatore che consente all’apparecchiatura di mettersi in funzione automaticamente ad un orario prestabilito da impostare sulla memoria.

La mia personale pagella sul Viesa Holiday è dunque di 110 e Lode addirittura con Bacio Accademico ed il mio miglior “grazie” non è quello che può emergere da questa mia testimonianza ma quello che io rivolgo  a Viesa  quando mi trovo negli infernali deserti Sahariani…»

Le imprese dello “zio Ciak”

A bordo di un Adriavan, nel 2000 ha percorso 16000 chilometri e viaggiato in tre continenti, lungo i deserti libici fino al Sinai. Quindi nel 2001 ha guidato per 25.000 chilometri, attraversando 14 paesi in 122 giorni nella spedizione Italia-Mongolia. Nel 2002 affronta il viaggio “Dall’Alaska alla Terra del Fuoco” in tre mesi, percorrendo 47.000 chilometri. Nel 2004 in 6 mesi percorre 35000 chilometri da Venezia fino in Australia. Infine nel 2005 torna in India per una missione di solidarietà rivolta alle popolazioni colpite dallo Tsunami e percorre 30.000 chilometri. Oggi viaggia frequentemente in Africa con il suo semintegrale dotato di Viesa Holiday II e pannelli solari.


Dario Brignole

Brignole«Durante la spedizione “Rediscovering the Americas 2008/09”  ho usato, specie nei primi due mesi di intensissimo caldo in Argentina e Cile  il condizionatore ecologico Viesa ininterrottamente durante il viaggio e nella nottata. Ne avevo due, uno in cabina di guida che ci sollevava moltissimo durante il moto in quanto oltre alle alte temperature esterne (abbiamo avuto giornate con oltre 40° gradi di caldo secco) avevo purtroppo anche il calore del motore internamente alla cabina di guida che aumentava notevolmente il disagio. Con l’ausilio del Viesa abbiamo potuto viaggiare bene: con 5/6 cm. di finestrini aperti e con il condizionatore impostato al massimo si riusciva ad avere un notevole ricambio di aria fresca. Io e mia moglie viaggiamo in camper da circa 23 anni. Da quando abbiamo Viesa abbiamo davvero migliorato il comfort abitativo: di notte accendo l’unità della cellula abitativa, e con il motorino al minimo riesco a dormire veramente alla grande.

Il mio giudizio su questo prodotto è quindi: eccezionale. Questo vale soprattutto per alte temperature esterne e caldo secco. Ma abbiamo potuto constatare l’utilità di Holiday anche con temperature intorno ai 30/35° e un umidità notevole che ha anche superato il 95% (come in Ecuador). Qui Holiday ha mantenuto condizioni climatiche costanti e confortevoli. Sotto il profilo dell’affidabilità non abbiamo mai avuto inconvenienti tecnici in due anni di utilizzo intensivo. E nemmeno guasti dovuti a sollecitazioni di strade sconnesse… ne abbiamo percorse davvero tante! Sul fronte consumi, quelli energetici sono davvero modesti. In condizioni di caldo secco, oltre i 35°, invece è abbastanza assetato di acqua…»

 

 

Pino Rivalta

Rivalta«Il mio giudizio complessivo sul condizionatore evaporativo Viesa Holiday II, dopo averlo sperimentato anche in situazioni limite, è: “ottimo”. Al contrario di altri apparati che ho avuto in prova, questo non ha mai dato un problema e ha lavorato bene anche in climi umidi (pioggia e tropici). In particolare ricordo alcune situazioni in cui ho ritenuto fondamentale l’apporto di Holiday: subito appena arrivati sul rio Paranaà al campeggio di El Tigre, caldo umidissimo e zanzare. Con Viesa ho dormito benissimo e senza zanzare. Poi in zone calde della pampa argentina e in tutte le aree dei tropici per le stesse ragioni. Sembra incredibile,ma riduce anche l’attività delle zanzare. Nessun problema tecnico. Non ho mai dovuto stringere una vite e di pistacce lunghe e brutte ne abbiam fatte parecchie. Avvertivo un pò di odore di muffa quando si riaccendeva dopo esser stato fermo, ma si ovviava con qualche goccia di Amuchina nel serbatoio. La colpa era mia perchè nelle istruzioni c’era un programma (che io non conoscevo) di essicazione del filtro da usare quando si fermava il Viesa per un pò di tempo. Dopo 66.000 chilometri e 336 giorni di viaggio con permanenze di vari mesi a oltre 3000 metri, Holiday è ancora perfettamente funzionante senza aver subito alcuna manutenzione. Io lo consiglio senz’altro in alternativa al condizionatore classico perché si sta freschi e asciutti il chè è molto più salutare che gelare rischiando bronchiti e legionelle… E da biologo posso permettermi di dirlo. Sui consumi elettrici il mio giudizio è “ottimo” (tutta la notte acceso senza problemi di batteria). I consumi di acqua toccano anche i 20 litri in una notte se si tiene la potenza massima. Mentre a velocità normale, la stessa quantità di acqua viene consumata in 2-3 giorni».

 

La spedizione di Pino Rivalta e Dario Brignole

Accompagnati dalle consorti ed entrambi camperisti di lungo corso, Pino e Dario hanno organizzato la spedizione “Rediscovering the Americas” dalla Terra del Fuoco all’Alaska, partita nel gennaio 2008 e che li ha portati in 336 giorni di viaggio a percorrere 66.000 chilometri a bordo di camper 4×4.

I CONDIZIONATORI EVAPORATIVI VIESA

 

I condizionatori Viesa sono di tipo evaporativo, cioè raffrescano l’aria sfruttando l’evaporazione dell’acqua. Producono quindi un flusso di aria fresca che abbassa la temperatura ambiente e quella percepita, stabilizza l’umidità e offre un benessere naturale. Il cuore dell’impianto è il filtro interno al sistema (brevettato) e costituito da un intreccio di filamenti di tre legni diversi tra loro e disposti in maniera da formare una superficie il più grande possibile per velocizzare al massimo il processo di evaporazione e di conseguenza cedere la maggior quantità di calore per ottenere il maggior abbassamento della temperatura.

La tecnologia evaporativa è:

– NATURALE perché sfrutta lo stesso principio utilizzato dal corpo umano per raggiungere il benessere

– SALUTARE perché non crea freddo né secca l’aria (mantiene una parte di umidità nell’aria)

– ECONOMICA perché consuma fino all’80% in meno di un sistema tradizionale

– ECOLOGICA perché non impiega gas, né oli o altri agenti chimici

VIESA Holiday II

Studiato per l’impiego su camper e caravan, Holiday II è progettato per rinfrescare un ambiente non superiore agli 8 metri lineari e con al massimo 4 persone a bordo. Funziona a 12 Volt e si applica al posto di un oblò standard (40×40 cm) o maxi (50 x 70 cm) al centro della cellula abitativa. Si collega direttamente all’impianto idrico del veicolo e dispone di un sistema antirovesciamento dell’acqua.

 

Consumo di corrente (12 Volt):

Minimo – 1,3 Ah – 15,6 Watt / ora

 

Massimo – 5,8 Ah – 69,6 Watt / ora

Consumo di acqua:

0,5 a 1,5 litri / ora

Peso:

21 Kg

Dimensione:

Altezza: 21 cm.

 

Lunghezza: 83 cm.

 

Larghezza: 75 cm.

Portata d’aria:

Massima 19 metri cubi minuto

 

 

 

 

LE IMMAGINI IN ALTA RISOLUZIONE SONO DISPONIBILI ALL’INDIRIZZO:

http://www.roundabout.it/viesatester.html

 

VIGIA VIESA ITALY

È distributore per l’Italia e la Grecia  dei prodotti COLVEN. Operativa dal 2002, con sede a Montemurlo (PRATO), è stata creata per garantire lo studio, lo sviluppo e la distribuzione dei prodotti Vigia, Viesa e altri del Gruppo COLVEN. Nella struttura toscana si svolgono periodicamente anche corsi di aggiornamento tecnico per installatori e manutentori, così da garantire un servizio post vendita impeccabile alla clientela finale. Rispetto e rapporti trasparenti con i clienti sono valori nei quali il general manager Alejandro Jacquet crede fermamente, e, insieme alla qualità dei prodotti distribuiti, sono stati il carburante che ha alimentato il motore del successo della filiale italiana.

 

COLVEN

La storia di COLVEN ha inizio nel 1972 quando Rafael Antonio Colussi e Nestor Vénica hanno iniziato la sperimentazione del primo sistema di protezione automatica di motori: Vigia. È proprio questo uno dei prodotti più di successo della holding argentina, che oggi ha 27 sedi in tutto il mondo. Il marchio Vigia campeggia anche sui sistemi di controllo automatico della pressione delle gomme, lanciati nel 1984, e diventati un accessorio fondamentale per la sicurezza in viaggio. Non meno celebre il brand Viesa, destinato ai condizionatori evaporativi o “raffrescatori ecologici”, utilizzati tanto sui veicoli dedicati al tempo libero quanto su quelli destinati al trasporto leggero, pesante o macchine agricole.

02word 01pdf

Lascia un commento

© Aboutcamp News - P.I. IT06702290963 - privacy & cookies